Sapore di Mare, assaggiare il mare con gli occhi e col palato

IMG_2740

Voi l’avete un posto ricco di colori, sapori ed odori che vi infonde calma? Che vi colora l’anima? Uno di quelli che, manchi da anni, torni di sorpresa e lo ritrovi così per com’era? Un po’ casa, un po’ strada. Un po’ mare, un po’ terra. La tua. Quella calda che ti manda via, come una mamma che sa che deve lasciarti andare, e poi ti accoglie a radici aperte.

Ecco. I tramonti che inseguo da anni finiscono sempre ad Aspra. Lì tra le barche colorate e la nuda terra. Le mani callose dei pescatori e “Oh Curù” come barca. I soliti cinque che giocano a briscola davanti il chiosco dei gelati e tanti piccoli localini, uno dopo l’altro, in fila indiana, di fronte il lungo mare asprense.

Lì c’era una piccola bambina, scura con gli occhi grandi ed una voce così squillante da volerla tendenzialmente strozzare. Una che invece poi mi ha fatto conoscere uno di quei tanti piccoli localini, tanto da farmene innamorare. Gabriella, autrice di avventure ineffabili e mangiate altrettanto indicibili, mi ha fatto assaporare il vero “Sapore di Mare”.

In via Francesco Tempra ecco che l’amore per il mare di Salvatore si fonde a quello della cucina del signor Mimmo, e si sposano bene creando piatti meravigliosi.

Con esperienza familiare lunga generazioni e generazioni, Salvatore ed Anna Rita, innamoratissimi di Aspra e l’uno dell’altro, ecco che hanno creato un modo di vedere il circondario con una novità. Hanno creato l’AperiFISH.

Un piatto, che ragazzi miei, strabordava di cose fin troppo succulente per lasciare nel piatto.

Cosa importante è che i piatti, di giorno in giorno, sono diversi tra loro. Si sposano con un Bianco di Nera o Spritz secondo i gusti di ciascuno e colorano i tramonti asprensi in silenzio.

Io ho scelto, appunto, un bianco di nera da abbinare a piccoli pesciolini che ho mangiato per la prima volta in vita mia, detti in zona, “maccarruneddi”. E poi c’ho bevuto su, tanto su. Che ne sapevo mica fossero così buoni? Ah, e ho mangiato tutto tutto. Anche l’occhio. Mi merito un premio? Ora basta che altrimenti sembro una stronza e mi denunciano alla sede centrale dei vegani, se esiste.

Poi un po’ di caponata, tipica sicilianità color rosso amaranto ed un crostino alla salsa tonnata.

C’era poi il polpo, il cocktail di gamberi, la salsa rosa un po’ ovunque e le cozze.

Sarei capace di mangiare cozze in qualunque modalità. Quelle di ieri, per esempio, lo Chef Mimmo le ha fatte gratinate con mollica. Ed io le ho mangiate tutte e tre, senza complimenti. Ma da brava Giufà, già dalla prima la mia maglia bellissima bordeaux era sporca. Con tanto di macchia di salsina rosa su tetta destra.

E non vi dico che alla fine il vino di Gabriella l’ho bevuto io e lei ha preferito lo Spritz. E poi la Coca Cola. Non vi dico che per fare l’OnTheTable mi sono arrampicata, con tanto di gonna di pelle, sopra la sedia davanti a tutti.

Non vi dico che sono caduta tra le barche per fotografare il tramonto mozzafiato “asparioto”.

Non ve lo dovrei dire, ed invece ve l’ho detto.

Ogni giorno, fate come me: facciamo aperitivo, ma aperitivo serio, alla modica cifra di soli dieci euro. Con vino e pesce a tignitè. E, concedetemelo, il tignitè. L’aria di casa che si respira in questo posto è tale da dimenticare le congetture ed i pensieri pesanti. O forse quello è solo il vino?

22365393_10214411010537513_4651267123573136401_n.jpg

22528169_10214411012697567_3871993052586020816_n.jpg22491715_10214411013017575_4225527602373053680_n.jpg

22365445_10214411011737543_6418919691625403630_n.jpg22365269_10214411009737493_5708313070251464934_n.jpg22365233_10214411013057576_9022517166799447853_n.jpg

 

22450109_10214411012137553_3272875158073449160_n.jpg22448321_10214411009857496_2191195951598280364_n.jpg22365529_10214411012417560_5816862220309224278_n.jpg22366842_10214411009497487_8030098713683766927_n.jpg

@saporedimareaspra

Annunci

Marina del Nettuno, alla scoperta della Sicilia

DSC_5546-grande.jpg

SiciliaBedda, come un’unica parola esclamata con il sorriso sulle labbra e sul cuore. Un’unica espressione di gioia e colori caldi. Di sole e mare. Di pale di fico d’india e vento tra i capelli. Di vino bianco e spritz tra le scogliere. Di spiagge e tavolini bianchi dove ballare su. Senti parlare e gira e rigira e senti di non conoscere la Tua Terra abbastanza.

Ecco perché lì, ai piedi del mio letto, ben scomoda alle volte, che sbatte tra i milioni di libri e le scarpe da tennis, c’è lei la mia valigia. Lì. E quest’estate voglio e farò un super giro della mia Sicilia. Quella che tengo sempre al mignolo sinistro su un anello. Quella che tengo sui miei grandi abiti di lino e sui bei piatti che ancor non so neanche cucinare bene. Sulle ceramiche e sulle mie t-shirt.

Eccola, la Sicilia è lì. Nel mio cuore. Prima tappa del mio tour? Si continua con la costa messinese e due o tre figoni mi hanno consigliato uno straordinario ristorante nuovo.

Marina del Nettuno è un nuovo ristorante che si erge proprio al porto di Messina che offre a tutti una cucina impeccabile plasmata dalla forte creatività di Pasquale Caliri, Chef Alma.

Pasquale, aiutato dall’incredibile location e dai tramonti siciliani che calano sulla banchina, regala una cena che difficilmente si può scordare. Una vista panoramica sul mare e foto e super selfie da fare ai piatti stellati di Pasquale.

Io accetterò i consigli, fate lo stesso anche voi? Marina del Nettuno ha anche un sito. Guardatelo se non ci credete. Io e bamPino abbiamo già la valigia pronta. O meglio, forse solo lui. La mia è sempre ai piedi del letto, disfatta.

@MarinaDelNettunoYachtingClubMessina @pasqualecaliri

<img class="alignnone size-full wp-image-2021" Buzzoolesrc=”https://theblondecurly.files.wordpress.com/2017/07/dsc_5606-grande.jpg&#8221; alt=”DSC_5606-grande.jpg” width=”960″ height=”641″ />Marina-Del-Nettuno3.jpgMarina-Del-Nettuno-4.jpgMarina-Del-Nettuno7.jpgMarina-Del-Nettuno-5.jpgDSC_5328-grande.jpg