Quelle giornate perfette, così.

giorno felice 5

Esiste un giorno che vorreste rivivere dall’inizio alla fine? Uno di quelli che avete sentito giusto fin da quando avete aperto gli occhi?  Fino a quando li avete chiusi?
Quando l’Amore ti tocca, da ogni lato ed esce da ogni poro.
Quando l’hai accanto, addosso e dentro.
Quando ti si muove dentro la pancia ed esce fuori con luce dagli occhi.

Il mare alle sette del mattino, come a dirmi “Sì, hai il mutismo selettivo e Lui ti fa riprendere. Spacca il mondo ed io ti aspetterò fuori e sarò fiero di te.”
Un bacio in fronte, uno sulle labbra, una pacca sulla spalla.
Bruno Mars immancabile in sottofondo. Il nodo in gola più bello e strano mai sentito.
L’autostrada veloce ed i parcheggio che tardava a liberarsi. Occhi sinceri, mani tra le mani. Occhiali da sole e sorrisi tanto forzati quanto fiduciosi. Agognati. Speranzosi.

E poi occhi fieri, un’arena splendida munita di guanti in vinile trasparenti e vetreria. Sacche. Un mondo, il mio.

Un palcoscenico da vivere, e la protagonista ero io. Lì. Sicura come mai in vita, fiera del bianco addosso, abbottonato davanti e capelli stretti in un codino nero.

Sorrisi. Battute. Cose che forse era meglio non dire, machissssene. Risate.
Puoi sapere di fare bene il tuo lavoro se è questo stesso che ti fa divertire. Ti fa sentire viva. Ti fra tremare. E non c’è approvazione che tenga accanto a te più di questo.

Occhi sconosciuti sbalorditi. Occhi grandi e luminosi come a dire: “Ma ora questa chi la zittisce, ah?”

E poi gli applausi. I fiori. Così tanti fiori da sembrare un prato immenso e variopinto.
Sette girasoli. Quell’aula sognata da quando sono nata, che era lì accanto a me sempre ma lontana più che mai.
Quell’aula che ho agognato ogni giorno ed ogni notte. Quella da cui volevo uscire con un po’ di alloro in testa.
Quella che è sempre stata la mia “chiesa“.
Il mio punto di ritrovo, il mio posto nel mondo.

Ed occhi fieri ovunque mi girassi. Quegli occhi di chi ha visto, in tutto questo tempo una me spenta con addosso un sogno. E chi, invece, c’è sempre stato ed ha deciso di non esserci più.

Una me sognante, di giorno e di notte, con mani sempre pronte a lavorare e braccia per cingere. Vite e vita.

Ed il cibo, ed i bigliettini. E parole di amore che non credevo potessero essere mai rivolte a me. Di stima, quando io forse stima di me stessa ne ho sempre avuto poca.
Ecco, sono quelle parole che terrò sempre conservate come tesoro inestimabile per tutta la vita.

E queste cose le sto scrivendo adesso, dopo mesi. Forse perché proprio mi è piaciuta così tanto che per un’altra volta ci sto pensando.
E ci sto pensando come sempre più forte, ogni giorno di più.

Perché se ho una certezza nella vita è che io, nata scema e con la testa sbattuta, so da sempre dove vorrò stare per tutta la vita.
Ed è un per sempre che non mi ha mai spaventata dirlo. Un per sempre in cui credo. E sempre crederò. Ora e per tutta la vita.

E ne sto scrivendo adesso, quando l’umore non è dei migliori e le speranze sono all’ennesima potenza.

Proprio adesso, che giorno dopo giorno, sogno sempre più forte. Proprio adesso che rivedo già tutto lontano.

giorno felice 2giorno felice 3Giorno felice

Annunci

Comix: XXV edizioni ed oltre.

Buzzoole20706358_10213864557796536_1831272526_o

10 giugno, ogni anno, più o meno, ultimo giorno di scuola.11 giugno, primo giorno di vacanza, primo giorno in cartoleria a sceglierLa. Ma non eravamo stanchi, dopo mesi sui libri e dietro quei banchi? Cosa ci spingeva a comprare subito una nuova agenda? 1.300.000 copie vendute in un solo anno e XXV edizioni dopo eccomi sempre qui a pendere dalle sue labbra.Ricordo ancora la sensazione di pace non appena entrata con la mamma in cartoleria vicino casa. E guai se non fosse arrivato il colore che desideravo. Guai se mi chiedeva di aspettare perché già terminata. Guai. La mia prima Comix fu in vernice fucsia shocking, dimensione media e subito riempita di scritte in pennarello indelebile sulla copertina.E c’era poi la prima pagina, la prima dedica da ricevere. Quella era destinata a qualcuno di speciale. Per quanto mi riguarda era sempre di Valentina. La mia storica compagna di asilo, elementari e medie. Valentina che tra qualche anno dovrà comprarla lei, la Comix, al suo piccolo.XXV edizioni dopo, Comix, ormai maggiorenne in tutto il mondo, ha deciso di essere disponibile in ben dodici varianti di colore e ben tre materiali differenti. Dal Soft touch alla Skin. In più 2 edizioni speciale limitate nate dall’estro creativo di giovani talentuosi artisti pop italiani. Loro stessi firmano le Comix Special.Ma la Comix va di pari passo con le novità del momento e non può lasciarsi pensare impreparata. Eccola che anche all’interno è ricca di inserti di youtuber, Fb, pagine rinomate online e sportivi. Ogni mese poi, i Comix Award danno la possibilità di condividere con l’intera community il frutto della creatività di ciascuno. Dalle battute alle foto. Dalle chat alle vignette. E chi vince comparirà sulla pagina ufficiale e social di Comix. In più? Puoi anche vincere un videogame Nintendo Switch ogni giorno ed una console Nintendo Switch a settimana.Ed io, neolaureata, potevo mai farmi scappare l’idea di essere ancora una giovincella da Comix a lato? Eccomi con la mia, super rosa. Lì, skin rosata, pronta a racchiudere i miei innumerevoli pensieri d’amoVe. Quei pensieri che poi riverso come fiume in piena su queste pagine di blog. Quella Comix che racchiuderà le mie foto stampate in carta vintage. Quella Comix che si sorbirà i miei soli flussi di coscienza. Come fa dalla notte dei tempi, lì, sempre nella mia borsa. Tra caricabatteria e portafogli.

#Comix2018

http://l12.eu/comix2018-1629-au/2TALVFQBZXP8FBIUSOQZ

FullSizeRender(16)FullSizeRender(18)FullSizeRender(19)FullSizeRender(17)

Harmony, come MariaAntonietta

Buzzoole

harmony.jpeg

I set di porcellana vittoriani. I cristalli della Boemia ed i castelli di Re Sole.Lunghi giardini e servizi di porcellana per il tè.Ecco. Io Harmony l’ho sempre immaginato così.Soave, leggero ed allo stesso tempo imponente.Maestoso e semplice.“Cristalloso” e bianco. Per Harmony ogni scusa è buona per far festa e condividere gioia.Dal 1998, cioè cavolo mia sorella era appena nata, realizza collezioni di bomboniere ed accessori da un design originale e raffinato. Tendenzialmente unico.Cristalli, porcellane e tessuti pregiati sono alla base dell’idea di azienda che hanno creato.Esclusività regalata solo a pochi centri, altrettanto esclusivi di città italiane.Dietro Harmony c’è sempre una grande manifattura, decorazioni fatte a mano e pittori sempre pronti a ritoccare fino all’ultimo secondo.Di contorno c’è poi l’innovativo packing, anch’esso fatto a mano e dunque ESCLUSIVO.Come Maria Antonietta possiamo tutti avere la possibilità di creare ciò che c’è nei nostri sogni e vederlo lì, tra le nostre mani e sulle nostre umili tavole “regali” agli eventi importanti della vita.Dal battesimo al matrimonio, alle lauree. Io so già a chi mi affiderò, se mai ci sarà, la prossima laurea. Son certa che di provette di cristallo e le siringhe di porcellana da riempire di confetti ne avranno abbastanza.Io mi sto già documentando sul SITO.

.Sono una che vuole sempre arrivare preparata agli eventi della vita.Ci riuscirò?

#harmonybomboniere

Forse quello giusto è lui.

quello giusto 5

Forse la persona giusta è lui. Quello che neanche ti fa venir voglia di screeshottare i suoi messaggi per crearci un G7 su whatsapp con le amiche.

Forse è giusto proprio perché arriva nella tua vita e non ti da’ neanche il tempo di prenderlo in mano il telefono.

Un fulmine, un ciclone. Un tornado di emozioni nuove che, dici tu, sta succedendo vero? Ed in realtà neanche hai il tempo di risponderti che già c’è una novità che ti lascia di stucco. E tu non ci sei abituata. Tu, eterna amica dei ragazzi, single incallita e con l’amore solo negli occhi ti ritrovi in un turbine di emozioni nuove.

Sorpresa. Ci sei caduta, cascata, con i tuoi capelli fatti di salsedine e i tuoi tacco 12. E non l’hai neanche raccontato. Non hai passato le sere in riva al mare con tequila in mano a disperarti su eventuali mosse mancate. Ad urlare al cielo che “non sta facendo la prima mossa”.

A descrivere, analizzare, sminuire e svalutare ogni suo gesto con le altre. O ad anatomizzare, neanche fossi l’allegro chirurgo (magari Dio ndr.) ogni piccolo segno. Azione. Cenno.

E forse quello giusto è proprio lui. Quello che ti fa appendere al chiodo anni decifrazioni indotte da esperienze negative. Quello che non sente la necessità di farsi spiegare. Quello che hai timore anche a raccontare perché, cazzo, tu hai sempre e solo parlato di loro, lamentandoti. Stavolta su che vuoi dialettare?  Stavolta che sembri più attesa e desiderata di una vittoria in finale di Champions?

Forse l’unica cosa di cui dovremmo tutti preoccuparci, gentil sesso compreso – e sì, parlo di voi Maschietti! – è imparare a lasciarsi amare ed amare di conseguenza.

Non ci sono regole. Ed è questo il bello. Perdiamo la vita dietro ad inutili schemi da seguire. Come se ci fossero realmente dieci comandamenti a raccontarci e raccomandarci come tenerci un uomo accanto. E poi, quando li dimentichi tutti, ecco che quell’uomo resta accanto a te. E ve lo raccontate di notte, occhi negli occhi, petto su petto. Ve lo raccontate in silenzio, al buio, al mare all’alba. Ve lo raccontate ridendo. Sognando. Leggendo. Ve lo raccontate amando. Perché l’amore sfiora, tocca le mani e mantiene delicatamente la presa. Graffia la schiena e poi la bacia. Con dolcezza. Accarezza. Ti tiene addosso. Ed è normale. Quella normalità che va oltre gli schemi da sempre prefissati.

Perché in Amore si sbaglia, ma è proprio quella volta che non ci stai attenta che smetti di farlo. Proprio quella volta non sbagli più.

E di questo, di questo amore, gli screenshot, sarebbe anche inutile averli.

quello giusto

quello giusto 2quello giusto 3

Per Amore, soltanto per Amore

AMORE

Un bacio mancato. La morsa allo stomaco. Una corsa con il cuore in gola per prendere un treno. Non sprecare tempo. Le lacrime di gioia. Gli occhi lucidi.

I piedi scalzi ed i vestiti di lino bianchi.

Un motore e due caschi.

Un comodino per due. La luce spenta.

Il cielo in una stanza. In un letto. Fuori città.

Sono occhi, grandi e lucidi. Sono sogni, nei cassetti e tra le dita.

Un bacio sul naso ed i capelli arruffati. La fiatella dell’alba, e no che non ti bacio se prima non lavo i denti.

Un bagno caldo a suon di petali. Girasoli ovunque. Anche negli occhi.

È il formicolio in pancia. È libertà. È un metabolismo scombussolato, nuovo, chiaro.

È un tramonto, ed è sapere che in un tramonto non vedrai mai più solo un tramonto.

È lieve dubbio, ma salda certezza. Sono mazzi di emozioni e bouquet di baci. È felicità condivisa con chi la sente anche sua. E sente sue anche le pene, che tanto quelle ci son sempre.

È amore che dopo anni non smette di sorprenderti.

Quando si superano insieme difficoltà, grandi e piccole.

Quando si va oltre le scenate di gelosia e si trova un complice. In questo disordine, mi suggeriscono.

Amore è leggerezza. Indipendenza. Libertà.

Amore è intuizione, è sorpresa. È averlo dentro e volerlo addosso. È conoscere l’altro è lasciarsi comunque sopraffare dalla novità. È trattenersi le mani anche se lontani. È vedere tanta gente per poi comunque tornare a casa.

È innamorarsi delle piccole cose. Di un cielo blu e del mare. È avere addosso la positività.

L’amore non è privazione, non è catene, non è gelosia. L’amore è fresco, libero, sa di acqua di sorgente pura. L’amore è vigoroso, ti trascina. È un profumo, e ti inebria. L’amore è lì, tra le scapole. Quelle che baci con dolcezza e gli occhi chiusi.

Ecco. L’Amore è un bacio ad occhi chiusi. Uno di quelli che non sai più che hai accanto perché tanto non ti interessa neanche più vederlo.

L’amore è semplice. L’amore è naturale. L’amore è straordinario. L’amore è.

amore 1amore 2amore 4amore 5

Sua maestà, il Cuore

cuore 2

Io faccio tutto col cuore. Canto, urlo, grido e sbraito. Sorrido. Amo. Piango. Abbraccio. Se necessario ti mando anche a fanculo, col cuore. Con tutto, l’intero, cuore.

È un’espressione che uso spesso, come se volessi sempre sottolineare il fatto che io sì, vivo di magia. Che mi piace più guardare i dettagli che le cose lampanti a tutti. Che amo di più un piccolo scorcio di luce e due birre in riva al mare, che mazzi di rose rosse, Moët & Chandon ed il vento in faccia.

E lo ascolto, il mio cuore. Non c’è scelta fatta nella mia vita in cui mi son permessa di metterlo da parte, ‘sto cuore. Cammina prima di me, senza aver bisogno di alcun guinzaglio e mi indica la strada. Corre il più delle volte e batte. Forte.

L’ho sentito quasi scoppiare, in certi momenti, di gioia. Di un Amore spassionato che mai avrei pensato di poter toccare. L’ho sentito spesso piccolo così, ritorcersi come dentro un pugno e sputato da denti aguzzi senza remore. L’ho sentito battere così forte di non riuscir neanche a contare i battiti, due dita lì e niente. E pensare che il BLS-D l’ho fatto, e l’ho messo, ahimè, anche in atto.

L’ho sentito scalpitante, per un paio di occhi, una frase di un libro o uno scatto improvviso con la mia Canon. E poi davanti al mare.

E l’ho visto correre, correre forte e cercar di andare lontano. Ma non è mai riuscito a scappare, neanche quando i segnali per farlo c’erano tutti. C’è chi dice, chi mi conosce bene, che “Io non sono nata per scappare; non lo saprei fare neanche volendolo.”

La verità è che le Donne coraggiose fanno paura. Ti fanno scappare ancor prima di farti avvicinare. Ti ammaliano con quegli occhi bassi e non troppo truccati e ti convincono che, no, non fanno per te.

E scappi. Scappi lontano. Ma in amore non vince chi fugge. In amore vince chi resta, si sbraccia, e s’impegna a non far finire la magia.

Perché la magia te la devi meritare, non cresce mica sugli alberi. E devi amare te, come i ciliegi in fiore di primavera. Come quando le altre bambine sognavano il vestito bianco ed un altare, io invece ne sognavo uno da venti euro, abbottonato davanti ed a maniche lunghe. Così come il mio completo quel giorno. Bianco.

 

“È l’AMOR che move il sole e l’altre stelle.” È cosa antica, è cosa vera, è cosa da tener saldamente a mente ed appuntarsela al dito ogni dì.

Così: come quando l’amore, per il Cuore, è l’unica terapia.

cuore 3

cuore 4cuore 5Cuore

 

Ho imparato, o forse no?

Ho imparato

Ho imparato a non fare progetti a lungo termine. A prenotare viaggi con largo anticipo. A non far programmi neanche per il fine settimana. A vivere alla giornata.

Ho imparato ad aspettare. A non fare domande, e non farmene. A resistere con quel macigno sul petto che non ti fa respirare. A vomitare, vino e parole, con pugni chiusi e spallucce alzate.

Ho imparato ad abbracciare. Ad ascoltare e non sempre parlare.

Ho imparato ad amare, amare qualcuno anche più di me stessa. La sua felicità sentendola come mia. Ed anche la tristezza, sempre.

Ho imparato ad esprimere desideri non solo per me, ma per chi amo. Per chi non solo mi sta cuore, ma lo colma tutto.

Che dietro un sorriso c’è il mondo, e che le persone che soffrono di più ce l’hanno più bello.

Che i sogni si possono realizzare, ma a volte quando pensi di esserci riuscito, tutto ti si rivolta contro.

Ho imparato che non tutti quelli che diventano padri potranno mai essere Papà.

Che vorrei essere un girasole, perché loro sanno sempre bene da che parte girarsi. Non si perdono mai. Che la strada, a volte, è troppo tortuosa e tu non sei poi così forte come pensavi.

Ho imparato che la felicità dura un attimo, e che quando le cose vanno troppo bene è sempre meglio andare con il freno a mano tirato. Che non faccio parte della fetta del mondo fortunata, quella che ha tutto servito con rose e viole sopra.

Che le cose si sudano, ma quando sudi così tanto il fiato ti si spezza e resti anche con un pugno di mosche sulle mani. E lì soffri il doppio.

Ho imparato che ci sarà sempre chi ti volterà le spalle. Che le troppe aspettative portano solo grandi delusioni. Che i desideri non si avverano. Che con le monetine tirate di spalle ed occhi chiusi nelle grandi fontane mi avrebbero permesso di comprare una Jeep.

Che preferirei soffrire le pene dell’inferno piuttosto che vedere chi Amo disperarsi.

Ho imparato, che alla fin dei conti, non ho mai imparato un cazzo. E che inutile anche farlo, tanto le carte in tavola cambiano ogni attimo.

Eh, pazienza.

Ho imparato 2

Ho imparato 3Ho imparato 4Ho imparato 5